Vi aspettiamo a Fiera S.Project - Hall 15 Stand A31 - A33 @ Salone del Mobile dal 7 al 12 Giugno
Paese

News -

#SUPERISSUE / SURFACES Superbonus 110%

Architettura: Speciale superbonus 110%
La ceramica Laminam per facciate esterne nel nome della bioedilizia

Tra novità e conferme, la Legge di Bilancio 2022 proroga l’incentivo per interventi di efficientamento energetico e antisismico nelle nostre abitazioni.
Una casa bella, confortevole e meno energivora è possibile e conveniente.

Anche grazie alla ceramica Laminam applicata a rivestimento esterno.

Si chiama Superbonus 110% ed è il principale indiziato per la proliferazione senza precedenti di impalcature, gru e teli nelle nostre città. Interi quartieri di lavori in corso ci ricordano che l’assetto urbano è mutevole e migliorabile, se le premesse lo permettono.

Nel caso del Superbonus 110%, le premesse hanno il volto di importanti detrazioni fiscali che rendono il momento conveniente per riqualificare la propria abitazione, con interventi di carattere energetico e architettonico, senza tralasciare l’estetica.

 

Superbonus 110%: che cos’è e chi ne ha diritto

È entrato nel nostro patrimonio lessicale e concettuale da ormai un paio d’anni e oggi tutti lo conoscono come capostipite di una serie di “bonus edilizi” (come l’Ecobonus, il bonus Ristrutturazioni o il bonus Facciate) che il Governo Italiano ha deciso di prorogare anche per il prossimo biennio.

Nonostante la normativa in materia cambi con eccezionale velocità, il “110%” rappresenta a tutti gli effetti un’opportunità straordinaria per chiunque sia intenzionato a ristrutturare casa, perché potrà farlo in maniera potenzialmente gratuita.

Il bonus, infatti, consiste sostanzialmente in una detrazione del 110% sulle spese sostenute per specifici interventi di riqualificazione energetica (Ecobonus) e di riduzione del rischio sismico (Sismabonus), distinguendo tra interventi trainanti e interventi trainati.

Ma chi può usufruirne?

Con limitazioni di tempo che variano a seconda del beneficiario, il Superbonus 110% coinvolge sia la singola unità immobiliare che il condominio. Sono escluse invece le nuove costruzioni.

“[il Superbonus 110%] rappresenta un’occasione da non perdere perché consente di ristrutturare globalmente gli edifici, toccando sia gli aspetti della sismica

sia quelli delle finiture”.

Giovanni Savorani, Presidente di Confindustria Ceramica.

 

Lo sconto in fattura e la cessione del credito

Come dicevamo, chi decide di intraprendere interventi massicci che riguardano – ad esempio – il rifacimento dei rivestimenti esterni di un edificio (facciate esterne, cappotto, intonaco) con il Superbonus 110% può farlo in maniera potenzialmente gratuita.
Grazie all’opzione dello sconto in fattura, infatti, l’impresa (o le imprese) che ha effettuato i lavori può applicare uno sconto fino al 100% del valore della fattura, senza pesare sulle tasche del beneficiario.
L’impresa si vedrà in questo modo riconosciuto un credito d’imposta pari al 110% dell’ammontare dello sconto applicato, da utilizzare sempre in quote annuali di pari importo.
Facciamo un esempio: se il valore complessivo dei lavori è pari a 10.000€ e l’impresa decidesse di applicare uno sconto pari al 100% della fattura, il cittadino non dovrà pagare nulla per i lavori effettuati e l’impresa si vedrà riconosciuto un credito di 11.000€.

È la famosa “cessione del credito”, oggi regolata dall’ultimo Decreto Sostegni-Ter che limita il numero massimo di cessioni possibili a 3, ma solo a determinate condizioni.

 

Si crea così un meccanismo virtuoso, che crea benefici a tutti i soggetti coinvolti: chi ristruttura casa può farlo in modo accessibile, riducendo il costo delle bollette (grazie all’efficientamento energetico) e valorizzando il proprio patrimonio immobiliare, mentre l’impresa può aumentare il proprio fatturato grazie al maggior volume di lavori.

Laminam e Superbonus: un investimento su casa e ambiente.

In forza dei tecnicismi e dei decreti attuativi emanati dal Governo che, pur introducendo periodicamente nuovi approfondimenti di cui tener conto, spiegano in che modo applicare la normativa nei casi specifici, il Superbonus permette una nuova e più forte spinta alla bioedilizia.

 

Tra i campi di applicazione, lo sconto del 110% può riguardare anche i lavori di rifacimento della facciata esterna a patto però che siano associati a un intervento che aumenti in modo significativo l’efficienza energetica dell’edificio. Un esempio? Il rifacimento del rivestimento esterno con l’installazione di una facciata ventilata in ceramica, combinata al cappotto termico.

Scegliere i materiali e le tecnologie giuste – soprattutto per gli involucri – rappresenta in questo caso un vero e proprio scacco al re.

Va in scena l’arte e la tecnologia della ceramica italiana e Laminam può fare la differenza nel dare un nuovo volto ecosostenibile alla casa.

 

  1. Performance tecniche d’avanguardia e garanzia assicurata

Lo spessore ridotto e il grande formato sono i centravanti di una formazione vincente, che rende le lastre Laminam rivoluzionarie ed altamente performanti per le applicazioni alle facciate esterne degli immobili.

Sostenibili e garantite 25 anni, le nostre superfici applicate a rivestimento esterno si distinguono infatti per un’elevata resistenza alle sollecitazioni meccaniche, all’usura, al gelo e ai raggi UV.

Tutte le caratteristiche e le proprietà cromatiche delle lastre sono inalterabili, restano immutate nel tempo e in presenza di ogni condizione atmosferica.

  1. Applicabilità multisistema

Alle caratteristiche che abbiamo appena visto, aggiungiamo una delle peculiarità principali delle lastre Laminam e che riassumiamo in una parola: versatilità. Se infatti cappotto, intonaco o facciata ventilata sono i sistemi di rivestimento in esterno individuati dal Superbonus 110% per l’efficientamento energetico, la ceramica Laminam li soddisfa tutte e tre, proprio perché non conosce limiti d’applicazione.

Cappotto termico e rivestimento con facciata ventilata Laminam

Il cappotto termico rappresenta uno dei sistemi più efficaci per migliorare le prestazioni energetiche di un edificio e consiste nel rivestire le pareti esterne di pannelli isolanti, creando così una vera e propria barriera che può ridurre fino al 50% il consumo di energia.
Per completare la resa estetica, si può rivestire la superficie isolante con le lastre Laminam di spessore Laminam 3+ e Laminam 5/5+, che assicurano anche una ridotta manutenzione nel tempo.
Questi sistemi, appositamente studiati per ricevere rivestimenti in lastre di grandi dimensioni, sono caratterizzati da livelli di resistenza meccanica superiori a quelli sostenuti dai tradizionali sistemi a cappotto non idonei per essere rivestiti.

A garantire un elevato comfort abitativo, con prestazioni anche superiori rispetto al tradizionale cappotto termico, è la modalità di rivestimento a facciata ventilata, che crea un’intercapedine ventilata naturalmente tra il pannello isolante e la finitura. Si tratta di un sistema innovativo che, oltre a limitare la dispersione termica e favorire il raffrescamento estivo, consente di eliminare l’umidità in eccesso. La facciata ventilata diventa così una vera e propria seconda pelle del palazzo, capace di massimizzare l’efficienza energetica degli edifici rendendoli estremamente sostenibili dal punto di vista ambientale.

L’installazione delle lastre ceramiche Laminam, rinforzate con uno strato di fibra di vetro sul retro, è facilitata dallo spessore ridotto, dalla loro leggerezza e dalle grandi dimensioni. Si riducono in questo modo le esigenze di trasporto, i costi logistici e i tempi operativi. A questi vantaggi, si aggiungono la facile applicazione in opera, la ricca varietà di effetti estetici e formati, nonché la resistenza e la durata nel tempo delle lastre. Attualmente la sua realizzazione si inserisce sia tra gli interventi che usufruiscono del Bonus Facciate, sia tra gli interventi di isolamento termico degli involucri esterni, previsti nel Superbonus 110%.

Non dimentichiamo infine che le lastre Laminam possono essere incollate direttamente su involucro esterno intonacato.

 

  1. Facilità di lavorazione e assistenza tecnica in tutte le fasi del progetto

Grazie alla loro eccezionale duttilità, tutti gli applicatori sono in grado di lavorare le lastre Laminam   su facciata e possono comunque godere di un servizio di assistenza sempre attivo. Il dipartimento tecnico aziendale, infatti, li accompagna nella fase esecutiva del progetto, fino alla conclusione del lavoro e la consegna al committente.

Allo stesso modo, un team di giovani ingegneri di esperienza internazionale possono affiancare il committente con servizi di consulenza ingegneristica, con l’obiettivo di individuare il sistema più idoneo ed efficiente per garantire le performance richieste alla facciata.
Mettiamo a disposizione la nostra esperienza e conoscenza del prodotto anche ad architetti e progettisti per sviluppare la soluzione ideali in linea con il budget definito e nel pieno rispetto dello stile architettonico del designer.

Sei interessato a usufruire del Superbonus 110% e ti piacerebbe ricevere maggiori informazioni sul nostro supporto? Clicca qui per richiedere una consulenza tecnica gratuita.

Ultimo aggiornamento: 14 marzo 2022